Buona Pasqua
nel Signore risorto

News > Archivio > Approfondimenti > Buona Pasqua
nel Signore risorto
01 04 2024

Gesù non ha voluto la morte; furono gli uomini a volerla per lui. Quando essi ricambiarono la sua proposta di fraternità con l’ostilità, egli dovette scegliere: se scansare questa loro ostilità, anche a costo di rimangiarsi la sua proposta; oppure “incassarla”, per restare – alla sua proposta – fedele.

Accettando di lasciarsi portare dall’amore-dono, Gesù scelse questa seconda via. Ed accettò di morire per mano degli uomini…

Perciò se n’era andato così: zitto zitto, in punta di piedi; in silenzio, in mezzo al clamore della folla e a tanta vergogna. Se n’era andato senza chiedere, in cambio, niente a nessuno; senza protestare e senza accusare; senza piangersi addosso e senza lamentarsi che non ci fosse neppure uno a dirgli bravo o grazie per quello che stava facendo…

Se n’era andato zitto zitto,in quattro e quattr’otto, incompreso e abbandonato da tutti, senza una parola di recriminazione di rimprovero; con il perdono nel cuore e sulle labbra, pregando e affidandosi al Padre; senza pretendere da nessuno né comprensione, né riconoscimenti e neppure gratitudine…

Quanta, inaudita gratuità!

Come si prende un calice colmo e se ne versa il contenuto, così Gesù aveva versato la suavita, mettendola nelle mani degli uomini. A che scopo tutto questo? Allo scopo di restare fedele fino alla fine alla missione che il Padre gli aveva affidato, di promuovere fino alla follia l’incontro degli uomini di questo mondo con l’amore-dono. Promuovere cioè, nella sinergia crescente con l’amore-dono, fino alla follia, il regno di Dio. Ma accogliendo la morte,

Gesù, meglio l’amore-dono in lui e attraverso di lui, la trasformò in uno strumento dello stesso amore-dono e perciò della vita. Ne fece il luogo, il tempo, del tutto inaspettato, del trionfo dell’amore-dono sulla divisione e sulla solitudine; il trionfo quindi, sulla morte, della vita.

Nel morire di Gesù non è stata la morte a gestire la vita, ma l’amore-dono a gestire la morte, a beneficio della vita. Non è stata la morte ad uccidere Gesù. Al contrario è stato Gesù, col suo modo di morire, ad uccidere la morte.

Venite, sorelle e fratelli: è la Pasqua del Signore! Gioiosa Pasqua di risurrezione e di vita a tutti!

don Pino, don Filippo, don Samuele, don Ennio, diacono Ugo, Giusy


CONDIVIDI!