Ho sperato nel Signore
ed egli ha reso sicuri i miei passi

News > Liturgia e Sacramenti > Quaresima 2020 > Ho sperato nel Signore
ed egli ha reso sicuri i miei passi
25 03 2020

Emanuele e Francesca i genitori, Saul il figlio: sono loro ad augurarci la buona notte nella serata della solennità dell’Annunciazione. Prendono lo spunto dal Salmo 140: “Ho sperato. Ho sperato nel Signore, ed egli su di me si è chinato. Mi ha tratto da un pozzo di acque tumultuose, dal fango della palude; ha stabilito i miei piedi sulla roccia, ha reso sicuri i miei passi. Mi ha messo sulla bocca un canto nuovo, una lode al nostro Dio. Molti vedranno e avranno timore e confideranno nel Signore”. 

C’è un parallelo con la nostra situazione di oggi: anche noi ci dibattiamo travolti da una tempesta velenosa senza sapere esattamente come metterci al riparo e cerchiamo con le preghiere un aiuto dal Signore. E scopriamo che il Signore è già qui, attento e vicino alle nostre vite. Non ci chiede sacrifici, ma ci apre le orecchie perché possiamo ascoltare le sue parole cariche di speranza. Eppure al tempo stesso vediamo la sofferenza e il dolore di tanti  che non hanno ancora provato il conforto della fede. E siamo ancora noi a pregare perché queste persone vengano illuminate dallo spirito santo e sappiamo trovare la via della salvezza.

Stiamo vivendo un’esperienza che invita l’umanità a fermarsi per riflettere sul senso profondo della vita. E ci riprenderemo solo rimanendo uniti nella fede e nella preghiera.


CONDIVIDI!