Delpini al Policlinico: ecco
i giorni della “grande libertà”

News > Diocesi > Delpini al Policlinico: ecco
i giorni della “grande libertà”
15 03 2020

S. Messa dal forte segnale simbolico quella di questa III^ domenica di Quaresima, che il nostro arcivescovo ha voluto celebrare,  in diretta TV a porte chiuse,  alla S. Giuseppe, una delle quattro chiese interne al Policlinico (chiese di cui peraltro l’Arcivescovo è parroco).

S. Messa, quindi, celebrata pensando ai malati ma anche per ringraziare medici, infermieri e operatori impegnati allo spasimo in queste settimane di emergenza. “Ho sentito in questi giorni – dice mons. Delpini subito prima dell’inizio della celebrazione –  tanti cori di applausi per la loro generosità, ed è bene che ciò sia riconosciuto. Quello che si può sottolineare è che, in questa situazione di emergenza, tale naturalezza della dedizione e dell’abnegazione, sono come una rivelazione di cosa è l’uomo e la donna. Noi siamo fatti per dedicarci, per donarci perché siamo fatti a immagine di Dio: questo è il modo giusto di vivere, fare della propria vita un dono, sempre, e ora in modo particolare».

L’omelia diventa poi una splendida riflessione dell’Arcivescovo, che si collega alle letture e soprattutto al Vangelo di Giovanni per snodarsi tra «le piccole libertà del ‘faccio quello che voglio’» e la «grande e autentica libertà».

Riassumerla non ha senso. Va letta e meditata per intero. La scaricate da QUI.


CONDIVIDI!