La preghiera di Delpini
per l’apertura delle scuole

News > Diocesi > La preghiera di Delpini
per l’apertura delle scuole
09 09 2020

«Padre nostro, che sei nei cieli,
benedici tutti noi che siamo tuoi figli in Gesù
benedici tutti i giorni dell’anno scolastico. …»

Comincia così il singolare Padre nostro per l’inizio di questo anno scolastico nei tempo della pandemia, composto e diffuso ieri dall’Arcivescovo di Milano, mons. Mario Delpini che, prima di essere chiamato in Curia – è stato insegnante e poi rettore dei Seminari di Milano. 

La preghiera, che invoca la benedizione per ciascun giorno della settimana, verrà letta durante tutte le messe di domenica prossima 13 settembre, vigilia della ripresa delle lezioni.

La potete scaricare e stampare cliccando QUI.

Sempre ieri mons. Delpini ha voluto inviare un videomesaggio agli insegnanti di tutte le scuole di ogni ordine e grado, incontrandone una rappresentanza nel cortile del Liceo Classico Manzoni di Milano. 

«Noi contiamo su di voi – ha detto l’Arcivescovo – perché siamo convinti che la scuola non sia anzitutto una organizzazione burocratica», «ma una comunità rassicurante per tutti, capace di contrastare le prepotenze del bullismo, lo scoraggiamento delle frustrazioni, la decadenza della pigrizia», perché testimoniate «che vale la pena diventare adulti», «perché siete una pluralità di competenze che rendono credibile che si possa diventare comunità educante e non solo liberi professionisti», perché siamo persuasi che «l’investimento irrinunciabile è sulla cultura, l’educazione, la speranza». «Ogni inizio è segnato da promesse e interrogativi, quest’anno poi in modo particolare si affollano inquietudini e incertezze. Tuttavia noi crediamo che i docenti siano capaci di vincere l’ossessione dei protocolli, l’angoscia dell’imprevedibile, la tentazione di scansare le responsabilità».

Qui sotto il videomessaggio integrale:

 

Altra iniziativa è una celebrazione eucaristica in Duomo, giovedì 1 ottobre alle 17.30, proposta a tutti gli insegnanti e i dirigenti di scuole statali e paritarie, di ogni ordine e grado. A concelebrare insieme all’Arcivescovo saranno i sacerdoti che si occupano di pastorale scolastica.


CONDIVIDI!