Le note di Mozart per aprire la Pasqua in musica

News > Comunità Pastorale > Associazioni e Movimenti > Le note di Mozart per aprire la Pasqua in musica
21 03 2016
(a cura di Mario)
Non avevo mai sentito un’intera orchestra suonare in chiesa a Goretti. Colpa mia, ovviamente, che pensavo agli echi fastidiosi e talvolta distorsivi dell’impianto di amplificazione che durante i concerti viene invece tenuto rigorosamente spento. E ieri mi sono dovuto ricredere. L’occasione era quella del primo concerto del ciclo Pasqua in Musica che Flûte Harmonique (l’associazione musicale nata in Comunità pastorale per promuovere attività concertistica, educazione musicale e mantenere economicamente gli strumenti nelle due parrocchie) ha organizzato per chiudere il periodo di Quaresima ed entrare nel tempo di Pasqua.
 
Così ieri pomeriggio ai piedi del presbiterio quaranta elementi tra fiati e archi hanno eseguito tre sonate da chiesa e due concerti – tutte opere di Mozart – che hanno 
lasciato a bocca aperta me, ma anche tutti gli spettatori che avevano riempito la chiesa costringendo gli ultimi arrivati a seguire in piedi il concerto. Merito – certo – delle note di Mozart, facili da capire e sempre piacevoli da seguire, ma l’entusiasmo e l’impegno dei musicisti e dei solisti hanno dato quel tocco in più che si è meritato gli applausi tra un’esecuzione e l’altra e un entusiastico scrosciare di battimani finale.
 

E parliamo allora di questi esecutori: si tratta dell’orchestra Carisch che è formata da musicisti “amatori”: medici, avvocati, insegnanti, impiegati, operai con l’hobby della musica che si ritrovano la sera per suonare Chopin, Mozart, Schubert, Bach o il jazz. La casa di edizioni musicali Carisch ha messo a disposizione le proprie forze e i propri autori formando un’orchestra che tutte le settimane si riunisce per studiare e provare e organizzare una propria stagione concertistica.
 
Ieri a Goretti hanno eseguito, sotto la direzione del maestro Sergio Delmastro, tre sonate da chiesa con l’accompagnamento dell’organo suonato da Alessandro La Ciacera (secondo organista del Duomo di Milano), Poi hanno dato vita a un concerto per violino e orchestra con la solista Lucia Zanoni, giovanissima violinista della Scala e un concerto – sempre di Mozart – per clarinetto e orchestra con Lorenzo Paini, che nonostante abbia solo 22 anni possiede già un notevole curriculum di successi e da due anni ha cominciato a insegnare proprio per Flûte Harmonique.
 
Un successo insomma che fa ben sperare anche per i prossimi due concerti: quello del 1° aprile che vedrà l’esibizione del coro di voci bianche del Duomo di Friburgo e il 17 aprile le canne dell’organo di Goretti vibreranno sotto le dita di Alessandro La Ciacera che ci farà ascoltare pagine di Frescobaldi, Gabrieli, Raison, Slain, Grunewald e Bédard. 
 
 
 
 

CONDIVIDI!