Aprite le porte a Cristo!

News > Catechesi > Catechesi Adulti > Aprite le porte a Cristo!
14 11 2015
di don Giuliano
Il Tempo di Avvento 2015 è particolare, perché l’8 dicembre avrà solenne inizio l’Anno della Misericordia.
 
Nelle Basiliche di tutto il mondo, oltre a quella di san Pietro in Vaticano, ci sarà una PORTA da varcare come memoriale del passaggio definitivo grazie al quale Gesù Cristo/Messia ha portato a compimento la fede di Abramo. Anche noi, oggi, siamo coinvolti in questo passaggio, perché nella nostra vita i segni salvifici del compimento portino frutto.
 
Basti per un discepolo essere come il maestro ha detto Gesù! Se Gesù è la PORTA attraverso la quale si giunge alla salvezza, questo vuole anche dire che ogni vero e autentico discepolo può essere così come il maestro: porta aperta al perdono, all’accoglienza, alla cura del più debole e fragile, dell’indifeso e di chi non ha voce.
Il Tempo di Avvento può diventare un tempo in cui il desiderio del Regno dei cieli ritorni ad essere al centro dei nostri ideali, dei nostri progetti e finalmente della nostra vita.
 
Il Signore è venuto in mezzo a noi, cioè si è fatto uno di noi, per farci conoscere la misericordia del Padre e per aprirci le porte del Regno.
 
L’ultimo atto di Gesù sulla croce, secondo il Vangelo di Luca, è stato quello di dire al ladro, crocifisso accanto a lui: Oggi sarai con me in paradiso. Oggi è tempo di dire con la vita dove è il nostro tesoro, verso cosa tendiamo. La riforma che Francesco sta chiedendo a tutta la Chiesa deve partire anzitutto dal nostro cuore, perché è dal cuore che vengono fuori le ingiustizie, le violenze, le cattiverie, le mostruosità …, ahimè! Nessuno è escluso, anche dal cuore di coloro che dovrebbero avere come unico punto di riferimento e senso della vita Gesù Cristo/Messia.
 
Ma non sono gli scandali che ci devono spaventare, dovremmo spaventarci del fatto che se non ci convertiamo quegli scandali diventano anche i nostri (Lc 13, 1-5). Il male non è solo nelle mura del Vaticano, è nel cuore di tutti coloro che, non ascoltando più la Parola del Signore, che illumina e dà vita, non sanno più vincere le tentazioni e cadono nel male che porta solo alla morte, quella dalla quale nessuno può salvarsi.
 
Apriamo le porte a Cristo/Messia per diventare porta di pace, di amore, di gioia, di speranza, di coraggio, di solidarietà, di accoglienza. La vita dei discepoli di Gesù, cioè di coloro che credono che Cristo è morto e risorto, può essere porta aperta perché il Vangelo anche oggi trova la gioia di essere seminato nella terra e portare frutto: questo dipende solo da te!                                                                         
 

CONDIVIDI!