Don Antonio ce l’ha fatta:
pronto l’impianto d’ossigeno

News > Archivio > Cronaca > Don Antonio ce l’ha fatta:
pronto l’impianto d’ossigeno
25 10 2020

Don Antonio Colombo, già parroco a Greco e da anni missionario in Sud America (oggi a Huacho, in Perù), ha vinto un’altra delle sue battaglie: l’impianto per la produzione di ossigeno medicale necessario per la cura dei contagiati da Covid 19 è oermai pronto a entrare in funzione in un’ala dell’ospedale di Huacho. L’idea a don Antonio era venuta nel maggio scorso quando si è reso conto che l’ossigeno in quella parte di Sud del Mondo cominciava ad essere sempre più raro, prezioso e costoso: le fabbriche che lo producevano non riuscivano ad accontentare tutte le richieste e i malati morivano.

 Battendo a mille porte (anche a quelle italiane (e il  nostro quartiere ha risposto generosamente) e spingendo la curia locale, a fine di luglio il suo Vescovo che si era fatto promotore della crociata) ha potuto chiudere la raccolta e iniziare la costruzione.

 Nei giorni scorsi da don Antonio è arrivato l’atteso annuncio: la fabbrica è pronta e potrebbe essere inaugurata ufficialmente in queste settimane.

“Non si costruisce in un giorno; – scrive don Antonio – non è facile fare contratti con ditte estere con tutte le complicazioni di versamenti in dollari, controlli fiscali, spese di trasporto aereo e navale. Si diffonde il malumore alla notizia  dei possibili ritardi per il blocco delle frontiere e del mese di agosto europeo con tutte le ditte bloccate per le ferie estive. Che fatica anche per me – portavoce della crociata – spiegare che, mentre qui è inverno,  il caldo da 35 gradi spinge tutta Europa verso le montagne o il mare. . . . Il Covid ci mette il suo zampino negativo al massimo, gli ammalati positivi e i morti aumentano di giorno in giorno e l’ossigeno è irreperibile o raggiunge costi altissimi, da mercato nero. Sinceramente occorre dire che tantissimi non si ricoverano negli ospedali al collasso e si fanno curare, come possono, in casa. Da lì la domanda angosciosa: “Ma quando avremo l’ossigeno? Anch’io ho dato il mio contributo per la campagna!”

Arriva la primavera in Perù il 23 settembre e rinasce la speranza, anche perchè il Covid ha rallentato un po’.  Si sbloccano gli aeroporti e le navi attraccano al porto. Che responsabilità e anche che gioia per me che devo firmare, come parroco della Cattedrale, i documenti per la dogana del Perù per una nave in arrivo dalla Cina e un aereo dagli Stati Uniti. Finalmente alla Messa di domenica 4 ottobre posso assicurare che presto saranno qui a Huacho 268 cilindri di ossigeno di marca cinese e un  compressore di marca USA; sono già pagati, in settimana si potranno vedere.

Una sorpresa mercoledì 7 ottobre: l’arrivo, in anticipo sugli altri pezzi, del cuore dell’impianto cioè il generatore dalla Slovacchia con un volo via Amsterdam.

La commissione ha preparato una festa con una banda che accoglie all’entrata di Huacho il grande trailer che lo trasporta direttamente dall’Aeroporto all’Ospedale. Nel programma è prevista la benedizione del generatore in Piazza d’Armi davanti alla Cattedrale, celebrata dal Vicario Generale. Le norme Covid per gli anziani non mi permettono di uscire di casa per essere presente alla cerimonia, ma posso seguire tutto in diretta su una Televisione locale.

Sabato 10 ottobre vado a fare un sopralluogo ai lavori in corso all’Ospedale stesso (da dove arriva la foto che illustra l’articolo). Vivo a 50  metri di distanza. Passo con mascherina e protettore facciale a fianco della zona rossa del Covid. Prego e tremo pensando a quanti stanno soffrendo. Ma il cuore si allarga con un bel respiro quando entro nel locale nuovo dove stanno sistemando le ultime connessioni per l’impianto della produzione di ossigeno. È realizzato il sogno del 31 maggio! Mi vien voglia di toccarli i 7 apparati che catturano l’aria, la separano, la modificano trasformandola in ossigeno per tanti polmoni affaticati.

È arriuvata l’ora di comperare lo champagne per la festa della inaugurazione di questo strumento indispensabile per continuare a lottare contro il Covid e altre infermità”.

 

 

 


CONDIVIDI!