«Siate misericordiosi,
come il Padre vostro lo è»

News > Archivio > Appuntamenti > «Siate misericordiosi,
come il Padre vostro lo è»
25 06 2020

Si sono presentati: Francesco e Annalisa, i due piccoli, e Laura che gestisce l’”Hotel Mamma” come si legge nel cuore ricamato appeso alla parete, sullo sfondo.
Sono loro che hanno voluto guidare, questa sera, l’appuntamento con la buona notte con le famiglie.

Dopo il tradizionale e cordiale saluto a tutte le famiglie della nostra Comunità Pastorale i due fratelli hanno iniziato direttamente dicendo: “Anche questa sera la nostra preghiera della buona notte sarà accompagnata dal riferimento al Vangelo di domani.

Preghiamo: Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito santo. Amen.

Chiediamo per tutti il dono dello Spirito dell’ascolto.

Dio nostro Padre,
che hai promesso di stabilire la tua dimora
in quanti ascoltano la tua parola e la mettono in pratica,
manda il tuo Spirito,
perché richiami al nostro cuore
tutto quello che il Cristo ha fatto e insegnato,
e ci renda capaci di amarci gli uni gli altri
come lui ci ha amati. Nel nome di Gesù, nostro Signore. Amen.

Ecco la Parola di domani:

Dal Vangelo secondo Luca (Lc 6,20a.36-38)

In quel tempo. Il Signore Gesù, alzàti gli occhi verso i suoi discepoli, diceva: «Siate misericordiosi, come il Padre vostro è misericordioso. Non giudicate e non sarete giudicati; non condannate e non sarete condannati; perdonate e sarete perdonati. Date e vi sarà dato: una misura buona, pigiata, colma e traboccante vi sarà versata nel grembo, perché con la misura con la quale misurate, sarà misurato a voi in cambio».

Parola del Signore.

 

Questa settimana la nostra liturgia ci ha messo in ascolto del cap. 6° del vangelo di Luca. In particolare, siamo stati anche noi invitati all’ascolto del “discorso della pianura”, che Gesù rivolge ai suoi discepoli e alla folla che accorre a lui.

Come già nel “discorso della montagna” in Matteo, Luca riprende alcuni temi centrali dell’annuncio di Gesù: le beatitudini, l’amore per i nemici, l’esperienza della grazia che ci fa essere veramente figli dell’Altissimo.
Viene poi l’invito a diventare “materni” come il Padre, che è misericordioso. Il Padre è “materno”, è una bellissima immagine, proprio per le sue viscere materne di compassione e di misericordia.
Siamo invitati a lasciarci visitare e trasformare dalla misericordia del Padre per portare frutti di benevolenza nelle nostre relazioni.

In particolare, nei nostri giudizi, nel valutarci gli uni gli altri con una accoglienza non sospettosa o diffidente, ma aperta e positiva. Così, nel dare, nella misura con cui misuriamo gli altri e ci misuriamo reciprocamente.

Il segreto sta nel rispondere alla misericordia di Dio con i nostri gesti di misericordia, andando nella stessa direzione di Lui. E sarà occasione di sovrabbondanza della sua grazia.

Con questo criterio della direzione che seguiamo, Dio prende sul serio i nostri passi.

E se la misura con cui misuriamo gli altri, è scarsa, insufficiente, per scelta nostra? Dio, nella sua misericordia, tiene conto della nostra libera scelta: con la misura con cui misuriamo sarà rimisurato a noi.

Diamo spazio nelle nostre famiglie al respiro della misericordia del Padre e cresceremo come piccole comunità di vita dove la misura alta delle nostre relazioni è la sua misericordia.

 

Dopo questo saluto della buona notte, fermiamoci un po’ tra di noi in famiglia e, al termine del giorno, attingendo alla misericordia del Padre, chiediamoci scusa a vicenda se non siamo riusciti ad accoglierci e a comprenderci con la misura sovrabbondante dell’amore.

E ora, per concludere, affidiamoci all’abbraccio misericordioso del Padre e diciamo: (seguendo la nuova versione della CEI)

Padre nostro che sei nei cieli,
sia santificato il tuo nome,
10 venga il tuo regno,
sia fatta la tua volontà,
come in cielo così in terra.
11 Dacci oggi il nostro pane quotidiano,
12 e rimetti a noi i nostri debiti
come anche noi li rimettiamo ai nostri debitori,
13 e non abbandonarci alla tentazione,
ma liberaci dal male. Amen.

Ci salutiamo, nel Signore…

Buona notte a tutte le famiglie e a tutti gli amici …

 

 

 

 

 

 

 


CONDIVIDI!