Il Ramo di Mandorlo n. 40/2014

Ramo di Mandorlo > Il Ramo di Mandorlo n. 40/2014
05 12 2014
[…] Ascolto, decisione, azione. Tre parole sintetizzano l’atteggiamento di Maria; parole che indicano una strada anche per noi di fronte a ciò che ci chiede il Signore nella vita.
 
1. Ascolto. Da dove nasce il gesto di Maria di andare dalla parente Elisabetta? Da una parola dell’Angelo di Dio: «Elisabetta tua parente, nella sua vecchiaia ha concepito anch’essa un figlio…» (Lc 1,36). Maria sa ascoltare Dio. È l’“ascolto” fatto di attenzione, di accoglienza, di disponibilità verso Dio. […]
 
2. Decisione. Maria non vive “di fretta”, con affanno, ma, come sottolinea san Luca, «meditava tutte queste cose nel suo cuore» (Lc 2,19.51). E anche nel momento decisivo dell’Annunciazione dell’Angelo, Ella chiede: «Come avverrà questo?» (Lc 1,34). Ma non si ferma neppure al momento della riflessione; fa un passo avanti: decide. Non vive di fretta, ma solo quando è necessario “va in fretta”. […]
 
3. Azione. Maria si mise in viaggio e «andò in fretta…» (cfr Lc 1,39). […] sottolineavo questo modo di fare di Maria: nonostante le difficoltà, le critiche che avrà ricevuto per la sua decisione di partire, non si ferma davanti a niente. [. . .]
 
Parole pronunciate da papa Francesco in una meditazione al termine del mese mariano del 2013. Parole che oggi il Ramo di Mandorlo pubblica in prima pagina per ricordare l’Immacolata Concezione di Maria. Da leggere e da meditare a nostra volta

 

 

CONDIVIDI!