Che il canto della creazione
ci apra il cuore e gli occhi

News > Archivio > Appuntamenti > Che il canto della creazione
ci apra il cuore e gli occhi
14 06 2020

Buona sera alle famiglie della nostra Comunità Pastorale.

Siamo la famiglia Lapenna e questa sera, come abbiamo fatto più volte, ci lasciamo condurre dal salmo della Messa domenicale: è una selezione di alcuni versetti del salmo 104.

Apriamo la Bibbia ed entriamo in preghiera:

Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Amen.

SALMO 104 (1-3a.5-6.9-10.14)

Benedici il Signore, anima mia!
Sei tanto grande, Signore, mio Dio!

Sei rivestito di maestà e di splendore,
avvolto di luce come di un manto,
tu che distendi i cieli come una tenda,
costruisci sulle acque le tue alte dimore.
 

Egli fondò la terra sulle sue basi:
non potrà mai vacillare.
Tu l’hai coperta con l’oceano come una veste;
al di sopra dei monti stavano le acque.

Hai fissato loro un confine da non oltrepassare,
perché non tornino a coprire la terra.
Tu mandi nelle valli acque sorgive
perché scorrano tra i monti.

Tu fai crescere l’erba per il bestiame
e le piante che l’uomo coltiva
per trarre cibo dalla terra.

 Insieme

Gloria al Padre e al Figlio e allo Spirito Santo. Come era nel principio, ora e sempre, e nei secoli dei secoli. Amen.

Cosa dire? La liturgia domenicale ci invita a ripartire dalla creazione.
Ma, per avvicinarci in modo autentico al Creato, occorre un’umanità rinnovata dall’amore del Signore, capace di benedire. Solo un’umanità così, con la benedizione nel cuore e sulle labbra, può guardare alle meraviglie dell’universo e vedere in esso le tracce del Creatore.

È quello che desideriamo fare anche noi, in questa domenica.
Anzitutto, nella sapienza della creazione, Dio ha fatto la luce, tutto è illuminato e assume la propria forma e dimensione e diventa manifestazione dell’Invisibile Dio, a tal punto che ci sentiamo trascinati a dire anche noi:

Sei tanto grande, Signore, mio Dio!

E dopo la luce nella creazione c’è l’acqua, un’acqua potente, forte, che però segue la legge della mansuetudine e della dolcezza. Non oltrepassa il confine stabilito dal Creatore e diventa acqua sorgiva nelle valli e ruscelli che scorrono tra i monti. Diventa pioggia che fa crescere l’erba per il bestiame e piante per dare il cibo all’uomo…

Il salmo 104 prosegue, raccontando la bellezza e la sapienza di una creazione che mette insieme tutti gli esseri viventi, sostenuti dalla forza della vita.
È per noi un invito a stare al mondo con cuore aperto e a lasciarci coinvolgere in una vicenda che ci rende parte di un disegno, segnato dal cammino della comunione tra tutte le creature.

Abbiamo molto da imparare dallo sguardo profondo e sapiente di questo salmo, che nasce da un cuore rinnovato nell’amore.
Mai come in questo tempo, la nostra generazione si è resa conto

  • di come siamo legati gli uni altri,
  • di come abitiamo un pianeta che abbiamo inquinato e reso malato, spesso calpestando gli spazi degli altri esseri viventi,
  • di come il futuro nostro, dei nostri figli e del mondo intero dipendono da noi.

Che questo canto della creazione ci apra il cuore e gli occhi e ci doni il coraggio di riconoscere la sapienza della vita di cui facciamo parte.

Il salmo 104 non è una pagina antica e superata di un tempo che fu, è il canto per chi vuole sperare in un mondo migliore, bello e pieno di vita, a immagine del Creatore. Noi vogliamo respirare del respiro di questa speranza.

In conclusione, dopo questo video ci possiamo fermare per condividere in famiglia le nostre risonanze alle parole del Salmo 104 e riflettere insieme sulla responsabilità nei confronti della nostra Terra, l’unica che abbiamo, per noi e per le generazioni che verranno.

Per questo, preghiamo il Padre di Gesù per tutta l’umanità:

Padre nostro che sei nei cieli,
sia santificato il tuo nome,
10 venga il tuo regno,
sia fatta la tua volontà,
come in cielo così in terra.
11 Dacci oggi il nostro pane quotidiano,
12 e rimetti a noi i nostri debiti
come anche noi li rimettiamo ai nostri debitori,
13 e non abbandonarci alla tentazione,
ma liberaci dal male.

Amen.

 

Ci salutiamo… Buona notte a tutte le famiglie e a tutti gli amici,

 


CONDIVIDI!