A Goretti ripreso
il Rosario delle ore 18

News > Liturgia e Sacramenti > Altre celebrazioni > A Goretti ripreso
il Rosario delle ore 18
19 09 2017

Dal lunedì al venerdì alle ore 18 e il sabato alle ore 17,30. È l’appuntamento quotidiano con la recita del S. Rosario organizzato a Santa Maria Goretti da un gruppo di parrocchiani e aperto a tutti i fedeli della Comunità pastorale.

Dopo la sospensione estiva la tradizione adesso riprende con rinnovato vigore.

«La preghiera del Rosario, ha detto papa Giovanni Paolo II, è uno strumento, una via concreta – personale e della famiglia – per vivere con Gesù, per “rimanere” con lui e la Madre sua in serena compagnia e amicizia. La sua lettera apostolica “Rosarium Virginis Mariae” pubblicata nel 2002 è un documento di fondamentale importanza nel culto mariano. È la fondazione teologica della preghiera a Maria in generale e, per lo specifico del documento, del Rosario. 

«Nella sobrietà dei suoi elementi – scrive papa Giovanni Paolo II – il Rosario concentra in sé la profondità dell’intero messaggio evangelico, di cui è quasi un compendio. Con esso il popolo cristiano si mette alla scuola di Maria, per lasciarsi introdurre alla contemplazione della bellezza del volto di Cristo e all’esperienza della profondità del suo amore.E a dare attualità al rilancio del Rosario ci sono precise circostanze storiche. Prima fra esse, l’urgenza di invocare da Dio il dono della pace.

«Analoga urgenza di impegno e di preghiera emerge su un altro versante critico del nostro tempo, quello della famiglia, cellula della società, sempre più insidiata da forze disgregatrici a livello ideologico e pratico, che fanno temere per il futuro di questa fondamentale e irrinunciabile istituzione e, con essa, per le sorti dell’intera società.

«Il Rosario infatti è anche, da sempre, preghiera della famiglia e per la famiglia. Un tempo questa preghiera era particolarmente cara alle famiglie cristiane, e certamente ne favoriva la comunione. Occorre non disperdere questa preziosa eredità. Bisogna tornare a pregare in famiglia e a pregare per le famiglie, utilizzando ancora questa forma di preghiera. La famiglia che prega unita, resta unita. La famiglia che recita insieme il Rosario riproduce un po’ il clima della casa di Nazareth: si pone Gesù al centro, si condividono con lui gioie e dolori, si mettono nelle sue mani bisogni e progetti, si attingono da lui la speranza e la forza per il cammino».


CONDIVIDI!