Sinodalità nella Chiesa
per un’unità a tutti i livelli

News > Diocesi > Sinodo minore "Chiesa dalle Genti" > Sinodalità nella Chiesa
per un’unità a tutti i livelli
28 02 2018

Si è chiuso il 27 febbraio scorso a Sant’Ambrogio il ciclo di incontri sul concetto di sinodalitàò all’interno della Chiesa, che ha interessato tutte e sette le zone della Diocesi Ambrosiana.

L’obiettivo era (e rimane) quello di aiutare – i sacerdoti da una parte e i laici dei consigli pastorali e degli affari economici dall’altra – a riflettere sulla dimensione della sinodalità, collocarla storicamente, provare a vedere elementi di criticità e a elaborare prospettive praticabili. Il tutto pensato come avvio per una feconda riflessione condivisa tra i vari soggetti coinvolti e applicata al vissuto e al modo di vivere la comunione e la Chiesa nel concreto. Il desiderio è quello di offrire una condivisa formazione che possa avere motivo di ripresa e riflessione comune specie in quest’anno, con la Diocesi impegnata nel Sinodo Minore “Una Chiesa dalle Genti”.

L’incontro a Milano di ieri è stato quello conclusivo. Come scrive sul sito della Diocesi AnnaMaria Braccinidopo aver riflettuto, nelle altre 6 Zone, sulla sinodalità stessa da diversi punti di vista, a Milano il focus è stato di taglio esperienziale. Portando in questo modo a conclusione una sorta di mosaico fatto di molte e differenti tessere: dal coté storico, ripercorrendo gli anni dal Vaticano II a oggi (relazione di don Francesco Scanziani) alla riflessione teologica di Stella Morra, “per una sinodalità praticabile: prospettive dall’Evangelii Gaudium”; dai rapporti tra sinodalità e collegialità nella Chiesa, affrontati da don Roberto Repole all’esercizio del discernimento proposto dal vescovo di Foligno e assistente generale ecclesiastico dell’Azione Cattolica, monsignor Gualtiero Sigismondi, fino agli aspetti più squisitamente giuridici delle norme del Diritto canonico (don Alessandro Giraudo) e all’approfondimento del sensus Fidei come principio e frutto di un cammino consigliato, in grado di coinvolgere il popolo di Dio, il Vescovo, i presbiteri (don Dario Vitali)”.

Continua a leggere la cronaca di AnnaMaria Braccini QUI


CONDIVIDI!