Diventare santi?
Vediamoci il 10 febbraio

News > Archivio > Appuntamenti > Diventare santi?
Vediamoci il 10 febbraio
27 01 2019

(a cura di Mario R.)
Ve lo ricordiamo perché non perdiate un’occasione importante. Domani 10 febbraio, nel salone della Parrocchia di S. Martino in Greco, a partire dalle 9,15 e fine alle 12,30  (conclusione con aperitivo) si incontreranno tutti i partecipanti al cammino di catechesi per adulti che quest’anno si è snodato nella lettura e meditazione su alcune pagine della “Gaudete et exsultate  di papa Francesco.

Si tratta di una esortazione apostolica sulla chiamata alla santità nel mondo contemporaneo con la quale papa Francesco ci prende per mano e ci invita a seguire la via indicata dal Signore, a camminare con il nostro passo, sostenuto dai “santi della porta accanto”, quelli che vivono vicino a noi e sono un riflesso della presenza di Dio. Però “nessuno si salva da solo, come individuo isolato – scrive Francesco  ma Dio ci attrae tenendo conto della complessa trama di relazioni interpersonali che si stabiliscono nella comunità umana”. Quindi la santità germoglia “nei genitori che crescono con tanto amore i loro figli, negli uomini e nelle donne che lavorano per portare il cane a casa, nei malati, nelle religiose anziane che continuano a sorridere”.

Quindi, sottolinea Papa Francesco, la chiamata alla santità il Signore la fa a ciascuno di noi, di qualsiasi stato o condizione, ognuno per la sua via. “Non è dunque il caso di scoraggiarsi quando si contemplano modelli di santità che appaiono irraggiungibili. … Quello che conta è che ciascun credente discerna la propria strada e faccia emergere il meglio di sé, quanto di così personale Dio ha posto in lui e non si esaurisca cercando di imitare qualcosa che non è stato pensato per lui. Tutti siamo chiamata ad essere testimoni, però esistono molte forme esistenziali di testimonianza.

E qui entra in gioco il cammino di catechesi proposto nella nostra Comunità Pastorale: perché ciascuno possa trovare la propria via siamo stati invitati a leggere il capitolo 3 dell’esortazione apostolica, quello in cui Francesco ci ricorda cheGesù ci ha spiegato con tutta semplicità che cos’è essere santi e lo ha fatto quando ci ha lasciato le Beatitudini, che sono come la carta d’identità del cristiano”. Come si fa, allora, a diventare santi? “La risposta è semplice: è necessario fare, ognuno a suo modo, quello che dice Gesù nel discorso delle Beatitudini. In esse si delinea il volto del Maestro, che siamo chiesti a far trasparire nella quotidianità della nostra vita”.

E questo è quello che abbiamo fatto in tre incontri, suddivisi in gruppi che si sono formati nello stile delle “Cento Case”: abbiamo letto e meditato l’analisi delle Beatitudini secondo papa Francesco.

E domani mattina ci ritroveremo per confrontare quello che ciascun gruppo, ciascuna Casa, ha ricavato da queste meditazioni. In questo modo ne usciremo tutti arricchiti.

Ma anche quanti non sono riusciti a seguire il percorso di catechesi possono ricavare  il massimo profitto ascoltando quanto avremo da dire. E anche questa è catechesi.

Venite tutti allora ad ascoltarci. Noi vi aspettiamo, fiduciosi. Se avete bambini piccoli non vi preoccupate; portateli con voi e saranno affidati al servizio di baby sitting.

Il programma della mattinata lo trovate QUI

E QUI trovate il libretto-guida 


CONDIVIDI!