Gli auguri di Natale da don Claudio

News > Carità > I Missionari della Comunità > Don Claudio Mainini > Gli auguri di Natale da don Claudio
02 01 2017

Queste notti sono allietato dai canti dei vari gruppi Woudu.
Anche loro si stanno preparando al Natale anche se con un significato diverso.
Alcuni gruppi in parrocchia stanno preparando varie attività, dal concerto del gruppo MEJ al teatro del gruppo Kiro, alle attività per la festa nel giorno di Natale per tutti i ragazzi.
Questo per riscaldare l’ambiente e non far passare inosservata questa bella festa.
Certo non ci sono tante luci, musiche, regali però vedo che in questi ultimi anni anche qui le cose vanno cambiando e una certa commercializzazione del Natale sta entrando, molto lentamente perché mancano tante possibilità, ma il fattore commerciale non si ferma e avanza, non ha paura.
Riuscirà anche la nostra fede a trapassare ogni ostacolo per annunciare la buona novella e per far conoscere il più bel regalo che Dio abbia fatto all’umanità?
Intanto noi non ci stanchiamo di dirlo e di comunicarlo anche con tanti gesti di solidarietà perché per questo Dio si è incarnato per essere solidale con noi.
Qui la vita va avanti, si stanno facendo tante cose. Abbiamo avuto la visita di tanti amici in questo tempo e ne attendiamo altre.
Anche con il mese di febbraio ci saranno due nuove persone inviate dalla Caritas ambrosiana per aiutare le parrocchie qui nel Nord Ovest. Una risiederà qui a Mare Rouge e una a Port de Paix ma sarà spesso anche lei da questa parti per seguire i vari progetti.
E’ un bel dono per noi, grazie a Caritas ambrosiana per questo aiuto prezioso.
Un altro grazie va a Filo Mondo che sta sostenendo il progetto dell’acqua.
Con il loro aiuto abbiamo potuto aumentare i punti di distribuzione e in programma ci sono altri sviluppi; vedremo il mese prossimo quando sarà presente anche l’ing Bertani Giuseppe che sta seguendo questi progetti.
Le attività vanno avanti, anche i lavori nella parrocchia e nelle cappelle continuano.
Abbiamo quasi finito la cisterna per il centro giovanile, manca poco, poi l’acqua per riempirla.
Stiamo anche lavorando per offrire uno spazio per il gioco e per rendere più bello e accogliente il cortile.
Anche coi giovani il lavoro va avanti. Tante attività per loro, che da noi possono sembrare normali o di routine ma che per qui non lo è.
Stiamo preparando sia una piccola festa per scambiare gli auguri dopo la messa della notte di Natale  sia al 31 per accogliere il nuovo anno. Anche il cammino di catechesi settimanale continua; sono tante proposte che mi aiutano a stare coi giovani e a rompere un po’ quella diffidenza che c’è.
Un altro piccolo gesto che sto portando avanti è invitarli a pranzo a casa mia al sabato e alla domenica a gruppetti di 4 o 5. Qualche volta anche alla sera, ma è solo per i più vicini alla parrocchia per via del buio. Questo è un ulteriore modo per conoscerli e per memorizzare meglio i loro volti e i loro nomi, questo mi permette anche di farli uscire dalla massa e di poter instaurare con loro un minimo di dialogo. Questo diventa anche un modo di apprezzare lo stare a tavola insieme chiaccherando senza dover mangiare ciascuno per conto suo.
Anche la distribuzione degli aiuti continua; certo per me resta una fatica perché tutto passa da me… sto comunque responsabilizzando il comitato Caritas parrocchiale e anche i vari comitati nelle cappelle perché non vadano persi gli aiuti che arrivano e soprattutto la fiducia che ci viene data da chi invia il denaro per sostenere chi è in difficoltà.
Desidero in questo Natale dire il mio grande grazie  di cuore a nome anche di tutta la comunità di Mare Rouge a tutti coloro che in diversi modi mi stanno aiutando per sostenere la vita di questa comunità. Elencarli tutti non ci riesco perché ho paura di dimenticare qualcuno ma sono tutti nelle nostre preghiere (di tutta la comunità). Grazie! La provvidenza è veramente grande e ogni giorno mi arrabbio per la mia poca fede e ottusità, ma la provvidenza mi fa vedere, soprattutto nei momenti di maggior sconforto, che non sono solo e che con me ci sono tante persone e amici che di giorno in giorno aumentano e che continuano a far più grande  la reta di solidarietà che permette a chi dà e a chi riceve e viceversa di sperimentare quell’amore che nel Natale Dio ha voluto comunicarci.
Grazie e auguri di buon Natale. Don Claudio

Altre notizie sul sito ChiesadiMilano, clicca qui


CONDIVIDI!