Tutti uomini come me:
vittime, carnefici, giusti

News > Archivio > Appuntamenti > Tutti uomini come me:
vittime, carnefici, giusti
21 01 2019

La “Giornata della memoria” è una ricorrenza internazionale celebrata per commemorare le vittime dell’Olocausto e vuole ricordare il 27 gennaio 1945 quando le truppe dell’Armata Rossa liberarono il campo di sterminio di Auschwitz, scoprendo l’orrore degli eccidi nazisti.

In concomitanza con questa giornata, Michele Diegoli torna al Refettorio Ambrosiano, in una veste diversa, con uno spettacolo dedicato al tema intenso della Shoah. La bravura di Diegoli ha già attirato tante prenotazioni che la rievocazione, originariamente previsto per la sola sera di sabato 26 gennaio, verrà invece replicato anche domenica sera, 27 gennaio, allo stesso orario: le ore 21. 

Della Shoah, a rigore, non si può parlare, afferma Michele Diegoli. Noi, i salvati, che ne abbiamo la possibilità, non ne abbiamo il diritto: non l’abbiamo vissuta fino in fondo. Loro, i sommersi, sono gli unici che ne avrebbero diritto, ma non ne hanno la possibilità. Eppure, tacere sarebbe come dimenticare. O, peggio, giustificare.

 

Attraverso ricostruzioni storiche, letture, questioni, si snoda un percorso che muove da una constatazione scomoda: non solo le vittime, ma anche i carnefici erano uomini. Proprio come me.

 

PER ISCRIVERSI: mail a iscrizioni@perilrefettorio.it

Oppure una telefonata al 380 8922240 (dal lunedì al venerdì dalle 17 alle 19)


CONDIVIDI!